La pietra pomice è una roccia vulcanica, composta da una struttura di rocce eruttive effusive, altamente porose e leggere.
Si è rivelata un elemento fondamentale per la cura e il benessere del corpo, ma nello specifico, come possiamo sfruttare le sue proprietà?

Cura de piedi – Si tratta di un metodo naturale per il trattamento dei piedi. Nel caso particolare la pietra pomice tratta calli e duroni grazie alla sua azione abrasiva che leviga la pelle ruvida e secca e rimuove le cellule morte. In questo caso, dopo il pediluvio, i calli possono essere trattati con la pietra in modo delicato e graduale per evitare ferite, abrasioni e ulcerazioni.
Cura delle mani – Le mani possono essere ammorbidite con un lungo bagno e poi esfoliate eseguendo movimenti larghi, circolari e delicati con la pietra. Una volta finito, le zone vanno però tamponate con un panno e idratate con creme oppure oli.
Scrub – L’azione abrasiva della pietra pomice elimina i peli incarniti e creare un effetto peeling sulle cellule morte.
Depilazione – È possibile usare la pietra pomice per la depilazione naturale delle braccia (idratando per bene la pelle e sfregando delicatamente una buona pomice sulle braccia eseguendo movimenti circolari).
Unghie e cuticole – La durezza della pietra vulcanica può trasformarsi in una ottima lima per unghie e per tirare indietro le cuticole.
Denti – In commercio esistono diversi dentifrici sbiancanti che utilizzano l’azione abrasiva di piccoli granelli di pomice.

Esistono diverse varianti di pomici, ciascuna con una composizione e grana differenti. I composti presenti le conferiscono non sono tonalità cromatiche differenti, ma anche proprietà più o meno marcate.

La pomice bianca è la pietra più diffusa perché presenta una prevalenza di silice e una struttura molto più leggera a grana grossa.

Le argille si distinguono dal colore: bianca, viola, verde, blu, rosa, gialla e rossa. Ognuna di queste si differenzia per specifiche proprietà e per il tipo di pelle su cui viene utilizzata.

L’argilla rossa è una delle tipologie di argilla che serve per la cura della pelle e dei capelli, e in fitoterapia per la riduzione di alcuni disturbi. Assume questo colore grazie alla forte presenza di ferro rosso trivalente, e per l’assenza di alluminio. In particolare quest’argilla viene utilizzata in cosmesi sul viso per pelle grassa, delicata e sensibile che tende ad infiammarsi facilmente. Può essere anche spalmata sul corpo per purificarlo e per tonificarlo al meglio, infine sui capelli per rinforzarli. Nonostante la cosmetica sia il campo più soddisfacente per questo tipo di argilla, essa può assumere anche il compito di infuso benefico contro i dolori gastro-intestinali.

Nello specifico, il suo effetto antiinfiammatorio è ottimo sulla pelle fragile che soffre di dermatite, rossori cutanei.
Ha inoltre proprietà drenanti, cicatrizzanti, tonificanti e idratanti. Ammorbidisce e purifica la pelle, sconfigge le rughe, favorisce la circolazione sanguigna, aiuta ad eliminare cellulite e assorbe i cattivi odori.
Infine viene usata per la cura di brufoli, ascessi e foruncoli.

Per quanto riguarda gli usi esterni, gli utilizzi maggiori si hanno quindi con maschere per copro, capelli e viso:
mescolare un bicchiere di argilla e mezzo d’acqua tiepida in un recipiente, formando un composto denso e omogeneo, simile alla crema. Dopo aver aspettato circa un’ora, spalmare il prodotto sul viso, sul corpo o sui capelli e lasciarlo agire circa 10-15 minuti, così da far assorbire tutte le cellule in eccesso e donare minerali alla pelle. Quando la maschera avrà cambiato colore, da scuro a chiaro, e sarà ancora un po’ appiccicosa, si potrà rimuovere con acqua tiepida. E’ importante non farla asciugare completamente altrimenti rischierebbe di ‘risucchiare’ l’acqua dei tessuti.
Per le prime due settimane si consiglia un’applicazione al giorno, per poi ridurle a due volte a settimana.

Per quanto riguarda invece gli usi interni, si può ricorrere alle tisane:
versare dell’acqua fredda in un bicchiere fino a riempirlo quasi tutto e aggiungere un cucchiaio di argilla. Mescolare il composto e lasciarlo coperto per qualche ora. E’ consigliabile prepararla la sera e berla il giorno successivo, lontano dai pasti.
È inoltre consigliato agitare il composto prima di berlo.

Ciglia e sopracciglia sottili, corte o rade, fanno sembrare lo sguardo meno intenso e gli occhi risultano difficilmente valorizzati anche con il make-up.

Ci sono però dei rimedi naturali, che possiamo utilizzare per cercare di rinforzarle, rendendole più forti, folte e lunghe.

Il prodotto naturale più usato per rinforzare ciglia e sopracciglia è senza dubbio l’olio di ricino: un olio vegetale privo di sostanze chimiche, che può essere utilizzato da solo o diluito in altri oli vegetali come l’olio di oliva.

L’olio di ricino è usato soprattuto in caso di ciglia o sopracciglia sottili e rade, con lo scopo di rinforzarle e aumentarne il numero e la lunghezza; utilizzato con costanza, ne migliora l’aspetto e la salute.

Si può applicare con un pennellino da mascara o con un cotton fioc sugli occhi struccati. Generalmente va applicato almeno una volta al giorno, preferibilmente la sera prima di andare a dormire, dopo aver applicato l’abituale crema viso da notte e prestando attenzione ad effettuare l’applicazione solo sulle ciglia, evitando che il prodotto entri a contatto con l’occhio per prevenire arrossamenti e irritazioni.
Il mattino seguente, l’olio di ricino verrà eliminato con l’abituale pulizia del viso. Per ottenere risultati apprezzabili, bisognerà aspettare almeno un mese, durante il quale l’utilizzo dovrà essere costante.

È fondamentale che la scelta ricada su un olio di ricino di qualità, certificato e testato anche per l’utilizzo in area occhi.

La bellezza delle mani non dipende solo dal colore dello smalto o dall’eccentricità della nail art! Prima di tutto, una manicure degna di questo nome parte dalla cura di cuticole e pellicine. Se l’unghia presenta quella sottile linea bianca alla radice, non c’è smalto che tenga: le nostre mani sembreranno sempre trascurate!
Per non parlare delle antiestetiche e spesso anche dolorose pellicine.

Sappiamo bene che la pelle è un importante campanello d’allarme che ci aiuta a comprendere, anche solo superficialmente, lo stato della nostra salute.
Possono infatti derivare da una scarsa assunzione di proteine e vitamine, in particolare di vitamina C.

Proprio per questo, una dieta sana è il rimedio migliore per contrastare questo problema: riempite quindi il frigo di colori, dando spazio al verde di broccoli e avocado, all’arancione e giallo degli agrumi e alle sfumature dei prodotti integrali

Tra gli altri rimedi fai da te super veloci, semplici da realizzare, e assolutamente low cost, troviamo sicuramente l’ olio di oliva, ricco di acidi grassi e vitamine A ed E, ed eccellente emolliente naturale.
Applicate qualche goccia, ancor meglio se leggermente scaldata al microonde, sulle unghie e massaggiate a fondo. Per aumentarne l’efficacia, dopo il massaggio lasciatelo in posa sulle dita e indossate dei guanti di cotone, così che l’olio venga assorbito a fondo.

Lo stesso vale con il burro: questo ingrediente ha un alto contenuto di grassi che gli conferiscono una consistenza perfetta per ammorbidire la pelle.

Lasciare le mani a bagno in una ciotola di acqua calda o tiepida ammorbidisce le cuticole e le pellicine, e sarà quindi più facile rimuoverle.
Quando le cuticole saranno sufficientemente morbide, usate un bastoncino da manicure in legno, dalla tipica forma a punta, e spingetele dolcemente verso l’interno del letto ungueale. Le cuticole non verranno così rimosse, ma solo “nascoste” sotto il solco distale che protegge l’unghia.
Versate nell’acqua qualche goccia di succo di limone: ricco di vitamina C, questo agrume combatte l’invecchiamento della pelle, perché contrasta l’azione dei radicali liberi.